Category

News

Category

News su progetti, corsi, eventi MAYA Idee e del mondo sanitario

Febbre Congo-Crimea, malattia da virus Ebola, febbre emorragica di Marburg, febbre di Lassa, sindrome respiratoria mediorientale da Coronavirus (Mers), sindrome respiratoria acuta grave (Sars), infezione da virus Nipah e Febbre della Rift Valley, malattia da virus Zika: sono alcune delle patologie inserite nell’elenco di malattie con un significativo potenziale epidemico rispetto alle quali, tuttavia, per la mancanza o l’insufficienza di strumenti di controllo e contenimento, si impone la necessità di investimenti in ricerca. Nella lista, stilata dal gruppo di lavoro dell’Oms di scienziati ed esperti di sanità pubblica coinvolti nella strategia globale R&D Blueprint di preparedness a eventuali epidemie e…

Presentata un’analisi regionale dei dati del Programma Nazionale Esiti. Punteggi in crescita su quasi tutti outcome della sanità veneta, ma non mancano però le criticità. Per esempio la frammentazione dell’offerta dei servizi per la chirurgia oncologica e per la chirurgia protesica. 26 FEB – In Veneto sette cittadini su 10 che subiscano una frattura del femore sono sottoposti a intervento entro 48 ore; 8 parti primari su 100 avvengono spontaneamente; oltre il 90 per cento dei pazienti che subiscono un ricovero per infarto sono vivi a 30 giorni e lo stesso dato si osserva per l’ictus. Allo stesso tempo, in…

Ogni regione ha il suo soggetto aggregatore, con propri modelli d’acquisto e forma giuridica. Ecco, da nord a sud, le esperienze di Piemonte, Veneto, Lazio, Campania. Entralizzazione si’, ma diversificata. È questa la fotografia dell’Italia per quanto riguarda gli acquisti in sanità. Le regioni stanno lavorando per adeguarsi alle ultime disposizioni normative, ma sono molte talvolta sostanziali, le differenze che permangono, a partire dalle diverse nature giuridiche dei soggetti aggregatori (società per azioni, unità organizzative regionali, agenzie sorte su centrali regionali preesistenti) e dai loro modelli d’acquisto. Di seguito, le esperienze di Piemonte, Veneto, Lazio, Campania. PIEMONTE In Piemonte la…

Oms Europa ed Ecdc hanno evidenziato un calo delle coperture vaccinali contro l’influenza tra i gruppi ad alto rischio, in grado di compromette la possibilità di proteggere la popolazione durante le epidemie stagionali o un’eventuale futura pandemia. Dai dati emersi da una indagine svolta dalla stagione 2008/2009 a quella 2014/2015 si evince che in circa la metà dei Paesi oggetto dell’analisi è vaccinato meno di un terzo degli anziani. La vaccinazione è la misura più efficace per prevenire le forme gravi e complicate di influenza e pertanto l’Oms Europa e l’Ecdc hanno ribadito l’importanza di raggiungere l’obiettivo minimo di copertura…

European Commission 31 January 2018 (Brussels) the Commission has put forward a proposal to boost cooperation amongst EU Member States for assessing health technology. Greater transparency will empower patients, by ensuring their access to information on the added clinical value of new technology that could potentially benefit them. More assessments could lead to effective, innovative health tools reaching patients faster. For national authorities it means being able to formulate policies for their health systems based on more robust evidence. Furthermore, manufacturers will no longer have to adapt to different national procedures. Vice-President Katainen said: “Reinforcing Health Technology Assessment co-operation at…

Measles outbreaks continue to occur in a number of EU/EEA countries, and there is a risk of spread and sustained transmission in areas with susceptible populations. In 2017, 14 451 measles cases were reported to the European Surveillance System by 30 EU/EEA countries according to ECDC’s monthly measles and rubella monitoring report published today, which provides a short overview on measles data for 2017. This number is over three times the number of cases reported in 2016 (4 643). According to more recent data published in ECDC’s Communicable Disease Threat Report (CDTR), obtained through epidemic intelligence, the highest number of…

La Commissione nazionale per la formazione continua ha confermato la possibilità per tutti i professionisti sanitari di effettuare le operazioni di spostamento dei crediti acquisiti nel 2017 a recupero del debito formativo del triennio 2014-2016, entro e non oltre il 31 dicembre 2018, purché i crediti siano stati conseguiti entro il 31 dicembre 2017. È possibile effettuare l’operazione autonomamente all’interno dell’area riservata ai singoli professionisti nel portale del Co.Ge.A.P.S.

Carenza di letteratura scientifica, difformità regionali, poca chiarezza su preparazione, dosi, interazioni con altri farmaci sono alcuni dei dubbi sollevati dai farmacisti, che hanno più volte organizzato seminari e convegni sul tema. Lo scorso ottobre la Camera ha dato il via libera (371 deputati favorevoli, 40 contrari, 13 astenuti) al disegno di legge su coltivazione e uso medico delle cannabis e lo ha inviato al senato, con l’obiettivo di approvarlo entro la fine della legislatura. Una proposta che fa seguito al decreto 279 del ministero della Salute del 9 novembre 2015, Funzioni di organismo statale per la cannabis previsto dagli…

C’è tempo fino al 15 marzo 2018 per rispondere alla chiamata che la Commissione Europea ha lanciato a cittadini, amministrazioni, associazioni e organizzazioni interessate, per raccogliere il loro punto di vista che sarà utile alla redazione di una proposta di raccomandazione del Consiglio dell’Unione Europea per una maggiore cooperazione in tema di malattie prevenibili grazie alle vaccinazioni. Come si legge sul sito della consultazione pubblica, le malattie prevenibili da vaccino vengono considerate come veri e propri flagelli per la salute. L’Europa infatti sta attualmente affrontando, in numerosi paesi, epidemie di morbillo di vasta entità ed evitabili ma, cosa ancora più…

Rivista Frammenti, ASSOBIOMEDICA «Investiamo nell’innovazione più di un miliardo di euro all’anno”

In Italia le aziende che producono medical device sono quasi 4 mila, di cui il 43% opera nel biomedicale. Numerose le start-up, attive soprattutto nella diagnostica avanzata. No sguardo sui produttori di medical device. A fornirlo è Assobiomedica, la Federazione di Confindustria che rappresenta le quasi 4 mila imprese italiane attive nel settore dei dispositivi. Tra queste ultime, il 51,4% sono imprese di produzione, il 44% di distribuzione e il 4,6% di servizi. Secondo il rapporto su Produzione, ricerca e innovazione nel settore dei dispositivi medici in Italia del 2016, a cura del Centro studi Assobiomedica in collaborazione con il…